Cessione del quinto: gli obblighi del datore di lavoro

30 Novembre 2020
https://www.prestivalore.com/pv/wp-content/uploads/2020/11/cessione-del-quinto-obblighi-datore-di-lavoro.jpg

Abbiamo parlato in diverse occasioni della cessione del quinto dello stipendio, definendola come una interessante opportunità per poter ottenere un finanziamento a condizioni e con modalità competitive.

Oggi vogliamo compiere un passo in avanti molto più specifico su questo tema e capire quali siano gli obblighi del datore di lavoro, e se costui possa o meno rifiutarsi di “collaborare” per permettere al proprio dipendente di ottenere un credito.

Cos’è la cessione del quinto

Per poter affrontare il tema in maniera più specifica, dobbiamo partire con un piccolo passo indietro e domandarci che cosa sia la cessione del quinto.

In sintesi, possiamo definire questa forma di finanziamento come un prestito a tasso fisso, con rimborso delle rate che avviene direttamente sulla busta paga, nella misura pari al massimo al 20% dello stipendio netto mensile o della pensione.

Dunque, nella cessione del quinto il dipendente non dovrà preoccuparsi del pagamento delle rate, poiché a tutto penserà il datore di lavoro, che si assicurerà che la rata del prestito sia regolarmente pagata, girando poi l’importo al creditore.

Quali sono gli obblighi del datore di lavoro

A questo punto ci si può domandare se il datore di lavoro possa o meno rifiutarsi di collaborare, ovvero se il datore di lavoro possa rifiutarsi di accettare la cessione del quinto dello stipendio di un proprio dipendente.

La risposta è negativa: il datore di lavoro non può rifiutarsi di accettare la cessione del quinto perché è obbligato – secondo la legge vigente – a comportarsi in questo modo, ovvero a non opporsi alla cessione del quinto, che rappresenta pertanto una opportunità che il lavoratore non può certamente vedersi minata da un atteggiamento di chiusura del datore.

Ricordiamo peraltro, ricostruendo un po’ di storia su questo argomento, che un tempo questo obbligo riguardava esclusivamente i datori di lavoro di dipendenti pubblici e di quelli statali. Tuttavia, a partire dal 2005, questo obbligo ha iniziato con il riguardare anche i datori di lavoro di dipendenti di aziende private, così come i pensionati.

Intuibilmente, il datore di lavoro, oltre ad essere obbligato ad accettare la cessione del quinto, è anche obbligato a garantire il corretto rimborso delle rate, collaborando nella fase gestionale del rimborso, ovvero quando dovrà trattenere in busta paga la rata, per versare poi il relativo importo al creditore.

Conviene la cessione del quinto?

A questo punto, abbiamo un altro tassello che può permetterci di comprendere e di valutare se effettivamente la cessione del quinto sia conveniente o meno per un dipendente di un’azienda pubblica o privata.

Evidentemente, se hai letto con attenzione questo e gli altri spunti che abbiamo scelto di condividere sullo stesso tema, dovresti sapere che sono davvero numerosi i vantaggi della cessione del quinto.

Proviamo a sintetizzarli.

Procedura semplificata

Salvo qualche eccezione, la cessione del quinto dello stipendio viene concessa al termine di un’istruttoria semplificata, che dovrebbe consentire al dipendente di entrare in possesso della somma desiderata entro pochi giorni dal momento della richiesta.

Nessuna garanzia aggiuntiva

Di norma il finanziamento con cessione del quinto dello stipendio viene concesso senza ricorrere ad altre forme di garanzia considerato che, per l’istituto di credito erogante, la presenza della busta paga rappresenta già una prioritaria forma di rassicurazione.

Tasso fisso e rate certe

Per sua natura il prestito con cessione del quinto dello stipendio è un finanziamento a tasso di interesse fisso, che consentirà dunque al lavoratore di disporre di un piano di ammortamento composto da rate di importo sempre costante nel tempo.

Prestito assicurato

Per legge, il finanziamento con cessione del quinto è un prestito assicurato. La polizza assicurativa è obbligatoria, e tutela il richiedente contro una serie di gravi eventi che potrebbero rendere impossibile la restituzione del debito (es. invalidità permanente).

Come ottenere la cessione del quinto

Se a questo punto ti sei sufficientemente convinto che il prestito della cessione del quinto dello stipendio possa fare al caso tuo, c’è una buona notizia che probabilmente ti farà piacere: trovare un finanziamento con la cessione del quinto è infatti molto semplice.

Per ottenere il prestito non dovrai dunque far altro che richiedere una consulenza presso un ente convenzionato che ti aiuterà a scegliere la soluzione migliore in base alle tue esigenze specifiche.