Cos’è il documento di quota cedibile e quando serve

8 Gennaio 2021
https://www.prestivalore.com/pv/wp-content/uploads/2021/01/cosa-e-il-documento-di-quota-cedibile.png

Il documento di quota cedibile è una comunicazione ufficiale rilasciata dall’istituto di previdenza (generalmente, l’INPS) che attesta la quota massima della pensione che il pensionato potrà impegnare con una cessione per poter richiedere e ottenere un prestito personale.

Ma come funziona? Quando serve? Chi lo deve richiedere? Ha un costo?

Chi rilascia il documento di quota cedibile

Cerchiamo di rispondere in maniera puntuale alle domande di cui sopra, cominciando dal chiarire chi rilascia questo documento. Come abbiamo in parte già rammentato, tale comunicazione è emessa dall’ente pensionistico, ed è un documento essenziale per poter ottenere  prestito con cessione del quinto.

Cosa contiene il documento

Per poter capire per quale motivo il documento di quota cedibile sia così importante, è sufficiente soffermarsi su quali siano le informazioni che contiene, e che ci permettono di comprendere perché l’istituto di credito che sta valutando una richiesta di finanziamento con cessione del quinto, ne abbia assolutamente bisogno.

All’interno della dichiarazione sono infatti presenti:

  • i dati sul pensionato e sul suo trattamento previdenziale;
  • l’importo massimo che il cliente dell’istituto di credito potrà impiegare per poter rimborsare il prestito, e che per la banca costituisce un parametro vincolante per poter disciplinare l’erogazione con una cessione del quinto;
  • il numero delle altre quote cedibili che sono eventualmente state già richieste.

Come richiedere la dichiarazione di quota cedibile

Ora che abbiamo chiaro che il documento di quota cedibile costituisce una dichiarazione essenziale per poter ottenere un prestito con la cessione del quinto, possiamo fare un piccolo passo in avanti e comprendere chi e come debba richiedere tale attestazione.

Ebbene, per quanto concerne il “chi deve richiedere il documento?”, la spiegazione è presto formulabile: a richiedere la dichiarazione di quota cedibile dovrà essere il titolare della prestazione pensionistica, ovvero colui che è interessato all’ottenimento di tale documento, fondamentale per l’accesso al prestito.

Per quanto concerne invece il “come richiedere il documento?”, un tempo la dichiarazione di quota cedibile doveva essere richiesta presentandosi direttamente presso l’agenzia INPS competente per territorio, la quale era in grado di realizzare tale attestato in tempi molto rapidi, o entro qualche giorno.

Oggi giorno le cose sono state ulteriormente semplificate, tanto che ciascuno può richiedere la propria comunicazione di quota cedibile mediante il portale dell’INPS o, ancora meglio, mediante le stesse banche che erogano il finanziamento con cessione del quinto, qualora siano convenzionate. In questo modo sarà possibile ottenere la dichiarazione di quota cedibile in pochi minuti.

Quanto costa la dichiarazione di quota cedibile

La dichiarazione di quota cedibile non ha alcun costo: il rilascio del documento è infatti gratuito, sia che venga personalmente richiesto dal pensionato sul sito INPS, sia che venga invece richiesto mediante il proprio istituto di credito.

Come calcolare la quota cedibile

Uno dei principali vantaggi della richiesta della documentazione di quota cedibile è la possibilità di poter calcolare con precisione l’importo massimo dell’indebitamento, evitando i calcoli “manuali”.

Chi comunque volesse farli per potersi rendere conto della correttezza dei calcoli, dovrà semplicemente suddividere l’importo della propria pensione netta per cinque. Si tenga però conto che non tutte le prestazioni previdenziali possono rientrare in questo calcolo, come ad esempio avviene per alcuni assegni di invalidità o per le pensioni minime.

È possibile ottenere maggiori informazioni sull’ottenimento della quota cedibile, e sulle modalità con cui vengono effettuati i calcoli al suo interno, attraverso il sito internet dell’istituto di previdenza, o rivolgendosi al call center dell’INPS, dove poter condividere ogni richiesta, generica o specifica, su questo documento così importante.